Ultimo aggiornamento  19 settembre 2019 12:38

Renault Sport, 40 anni e nuova Clio R.S.16.

Redazione ·

Renault Sport ha festeggiato i suoi primi quarant’anni presentando la concept-car Clio R.S.16, un progetto che ha visto la luce in meno di cinque mesi con l'obiettivo di inserire il motore 2.0 turbo 275 cv e 360 Nm di coppia sotto il cofano di Clio R.S.

Per sfruttare a fondo il potenziale di questa meccanica, derivata da Mégane R.S. 275 Trophy-R, la Clio R.S.16 beneficia di un gruppo ammortizzatori/sospensioni che adotta soluzioni sviluppate per la competizione. Design aggressivo, ruote da 19 pollici, carrozzeria allargata di 60 mm, la Clio R.S. 16 ha grandi ambizioni: diventare la più performante delle Renault Sport di serie.

Ha debuttato al GP F1 di Monaco

Questa concept-car condivide nome e colori con la monoposto R.S.16 e festeggia il ritorno di Renault tra i costruttori schierati in Formula 1. Prima uscita, con alla guida il pilota Kevin Magnussen, venerdì scorso sul circuito del Gran Premio di Monaco. Prossimo appuntamento in Gran Bretagna, in occasione del Festival of Speed di Goodwood (23-26 giugno).

“Per questo progetto gli ingegneri hanno proposto nuove metodologie di lavoro - ha affermato Patrice Piatti, Direttore Generale di Renault Sport Cars - utilizzeremo tale esperienza per progettare altri veicoli un po' fuori dagli schemi, esplorando parallelamente nuove vie per il futuro”.

Progetto non facile

"L’impegno non è stato semplice - ha detto ancora Piatti - bisognava posizionare correttamente il motore, la trasmissione e il sistema di raffreddamento". La meccanica ha subito la revisione delle sospensioni del gruppo motopropulsore e sono stati associati ed adattati componenti derivati da Mégane, Kangoo ed Espace di serie. L’impianto di scarico è stato modificato per adattarsi alle esigenze di portata del motore, ma neanche l’acustica è stata trascurata: dopo le prove in pista, Clio R.S.16 monta un silenziatore a doppia uscita Akrapovic, con una sonorità particolarmente coinvolgente.

Ruote da 19 pollici

La Clio R.S.16 riprende il gruppo molle-ammortizzatori a cartuccia scorrevole di Mégane R.S. 275 Trophy-R, identico l’impianto frenante composto da dischi in acciaio da 350 mm, montati su cestelli in alluminio. Una sfida cruciale ha riguardato l’integrazione di ruote da 19 pollici in una carrozzeria progettata per dimensioni di 18 pollici, la soluzione è consistita nell’intagliare lievemente i parafanghi ed applicare estensioni in materiale composito.

Lo spoiler posteriore consente di generare 40 kg di appoggio supplementare a 200 km/h, il design degli interni lascia spazio alle sensazioni di guida, con la presenza di sedili avvolgenti e imbracature a sei punti, mentre l’eliminazione della panchetta posteriore e del climatizzatore contribuiscono all’alleggerimento.

Grafica ispirata alla Formula 1

Colore di Renault Sport – ripresa sulle monoposto di Renault Sport Formula One Team nel 2016 – il Giallo Sirio è stato scelto per Clio R.S.16, associato al nero brillante sulla calandra e la losanga - tono su tono - sul padiglione e sul lato esterno dello spoiler. La carrozzeria di Clio R.S.16 è completata dal marchio Renault Sport sul tetto e dallo stripping che simbolizza la pixelizzazione della Losanga dalla parte posteriore dell’auto. Due le unità costruite: la ‘Giallo Sirio’ svelata a Monaco e la ‘Nero Profondo’ utilizzata come auto test per le prove di sviluppo.

Tag

Concept  · Renault  · Sport  · 

Ti potrebbe interessare

· di Massimo Tiberi

La decappottabile francese, nata nel 1959, colpì soprattutto per la testimonial del suo lancio, Brigitte Bardot. Negli Usa l'auto venne venduta (poco) con il nome di Caravelle