Ultimo aggiornamento  21 ottobre 2018 10:05

Ci vuole una pedalata politicamente corretta.

Marina Fanara ·

La bicicletta è il mezzo di trasporto che può rimettere in salute le nostre città malate di traffico. Ma, secondo la FIAB (Federazione italiana amici della bicicletta), in Italia questo ruolo non le viene ancora riconosciuto, se non a parole. Nei fatti, la bici non ha ancora il posto che merita quando si tratta di programmi e di stanziamenti per lo sviluppo di una mobilità più smart e meno impattante. 

Bici trascurata dai Palazzi

Questo è successo, sostiene l’associazione dei ciclisti: il ministero dell’Ambiente ha predisposto un progetto per ridisegnare la mobilità in città. Con l’obiettivo di convincere i cittadini a lasciare l’auto in garage e usare modalità pulite per andare e venire da scuola o dal posto di lavoro, come  l’auto elettrica, il car sharing, il car pooling, il pedibus, i mezzi pubblici. 

Peccato, però, lamenta Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB, che nel relativo decreto ministeriale la “bicicletta sia praticamente sparita e quasi mai citata in modo esplicito”. Eppure, alla luce dei livelli insostenibili di traffico e inquinamento delle nostre aree urbane, che si traducono in incalcolabili costi sociali dovuti all’inquinamento, “proprio la mobilità ciclistica è la risposta più economicamente sostenibile per impostare la mobilità delle persone”. Invece di bicicletta non se ne parla neanche nell’elenco dei “bonus mobilità” attraverso i quali il governo ha intenzione di incentivare lavoratori e studenti che si spostano su mezzi di trasporto a basse emissioni. Una dimenticanza?

Più ciclisti in piazza

La FIAB è passata all’attacco e ha sottoposto all’esame dei senatori che stanno analizzando il decreto ministeriale (in particolare le commissioni Lavori pubblici e Territorio e ambiente) una lista di aggiustamenti. Ecco i concetti principali: “bici al seguito” su tutti i mezzi di trasporto, bike sharing per tutti (quindi, non solo in centro, ma anche in periferia), parcheggi d’interscambio nelle stazioni FS, delle metropolitana e ai capolinea dei bus, sviluppo di percorsi ciclabili (piste o corsie ad hoc), avvio di interventi di moderazione del traffico (come le zone 30), limitare gli incentivi all’auto privata, anche se ecologica, per premiare chi usa i mezzi pubblici, il trasporto condiviso, si sposta a piedi o, appunto, preferisce pedalare per le vie della città.

Tag

Ambiente  · Auto Elettrica  · Bici  · Bike Sharing  · Car Sharing  · Carpooling  · Ciclisti  · Governo  · Incentivi  · Inquinamento  · Mezzi pubblici  · Mobilità ciclabile  · Smart Mobility  · Traffico  · Trasporto Pubblico  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Da Roma e Firenze in bici fino a Orvieto: una pedalata promossa da associazioni di ciclisti e patrocinata dall'ACI per chiedere buon senso a tutti gli utenti della strada

· di Marina Fanara

Con i fondi per i progetti di fattibilità, il ministro Infrastrutture e trasporti dà il via alle prime grandi ciclabili del Paese. Fiab: ora anche nuove regole sulla mobilità

· di Marina Fanara

Rapporto Legambiente sull'economia della bicicletta: crescono fatturato e chilometri di piste, ma non il numero di ciclisti. Bolzano e Pesaro le più bike-friendly

· di Marina Fanara

Vince l'azienda con più "ciclisti". E' la Bike Challege 2016, promossa da FIAB: si terrà in autunno. Confartigianato: aumenta la produzione di bici e il numero di italiani che la...

· di Redazione

A fianco del collaudato BikeMi, con più di 1 milione di bici affittate nel 2016, nel capoluogo lombardo nasce anche la versione per i più piccoli. E' la prima in Italia