Ultimo aggiornamento  15 novembre 2019 11:01

Google invade pure Detroit.

Francesco Paternò ·

In un breve post sul suo blog di Self Driving, Google ha scritto di stare aprendo un centro ricerca e sviluppo a Novi, nel Michigan, 53mila metri quadrati a due passi da Detroit e a circa mezz'ora di macchina dal quartier generale di Fiat Chrysler, ad Auburn Hills. La conferma è arrivata a distanza di due settimane dall’annuncio dell’accordo di Google con Sergio Marchionne per sviluppare insieme il sistema di guida autonoma su 100 Chrysler Pacifica ibrida plug in, che è la prima commessa per il centro, ancora con lavori in corso.

La concorrenza

Il colosso californiano del tech porta a casa del “nemico” la concorrenza, sfruttando sia l’intesa con FCA che le facilitazioni esistenti nell’area di Detroit per chi vuole fare automobili. Google ha sempre negato di voler diventare un produttore di macchine, almeno così come viene inteso a Detroit e nel resto del mondo da oltre cent’anni, ma è chiaro che intende sfruttare al massimo la conoscenza che ha questa industria delle quattro ruote in un mercato dove sta per sbarcare con i suoi robot al volante.

A caccia di ingegneri

Google andrà anche a caccia di talenti della concorrenza fra le Big Three, leggendo sul post di “access Michigan’s top talent in vehicle development and engineering”. Per altro ad Ann Arbor, sempre vicino Detroit, c’è MCity, un’area dove si sperimenta l’auto a guida autonoma sulla quale la Ford, in particolare, sta investendo molto, facendo circolare i suoi prototipi di Fusion dentro una città ricostruita, come fosse un set cinematografico di Cinecittà. 

Tag

FCA  · Ford  · Google  · Marchionne  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il gigante californiano fa la voce grossa: la nuova legislazione dello stato di Detroit sembra escluderla dalla possibilità di sperimentare auto robot

· di Redazione

Il costruttore americano annuncia per il 2021 la sua auto a guida completamente autonoma bruciando la concorrenza di Detroit (e non solo)

· di Redazione

La società di Bill Gates non segue Apple e Google: non produrrà veicoli ma solo tecnologia per la guida autonoma (e non solo) da vendere all'industria automobilistica