Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 20:09

Benzina e gasolio, un risparmio da 2,4 miliardi di euro.

Marco Perugini ·

Nel primo quadrimestre 2016, gli automobilisti hanno speso 2,4 miliardi di euro in meno in carburanti rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, su un esborso complessivo annuo di oltre 40 miliardi di euro in rifornimenti. Il risparmio è dovuto a un lieve calo dei consumi (-0,6%) e a una più rilevante riduzione del prezzo alla pompa di benzina (-8,6%) e gasolio (-14,6%).

Occhio ai listini

Il conto è stilato dal Centro Studi Promotor, che però avverte anche dei recenti rialzi nei listini delle compagnie petrolifere: da febbraio a metà maggio il prezzo medio della benzina è salito da 1,361 a 1,445 euro/litro, mentre il gasolio è passato da 1,199 a 1,274 euro/litro.

Incrociando i dati Promotor con quelli dell’Osservatorio ANAS che evidenziano un sostanziale aumento del traffico sulla rete stradale, si deduce che la contrazione dei consumi non è imputabile alla riduzione delle percorrenze medie, bensì alla ripresa del mercato dell’auto che ha favorito l’ammodernamento del parco circolante con veicoli di nuova generazione in grado di abbattere consumi ed emissioni, con un risparmio per l’ambiente oltre che per il portafogli.

I dati ACI

Ciò trova conferma anche nei numeri dell’Annuario Statistico ACI: negli ultimi 13 anni la domanda di benzina è diminuita di oltre il 50%, attestandosi intorno a 7,5 milioni di tonnellate annue; il gasolio - che risente anche dell’autotrasporto - è stabile a 22,4 milioni di tonnellate mentre il consumo di gpl è cresciuto di oltre il 30% raggiungendo 1,5 milioni di tonnellate.

Tag

Benzina  · Diesel  · GPL  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

L'amministrazione comunale della città inglese, resa famosa dalle avventure dell'arciere Robin Hood, investe sul trasporto pubblico "pulito"

· di Marco Perugini

Paghiamo il carburante l’11,9% in più rispetto agli altri automobilisti europei. E il fisco italiano si prende il 68,8% della nostra spesa

· di Luca Bevagna

Le vendite delle alimentazioni alternative sono costanti. Nel primo trimestre 2016 crescono elettriche e ibride, calano gpl e metano. L'Italia è il terzo mercato

· di Mattia Eccheli

Rifornirsi di carburante, pagare il parcheggio e comprare la cena, tutto senza mai scendere dall'auto. È il domani ma in Germania sarà presto realtà