Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 21:45

Londra a guida autonoma.

Colin Frisell ·

Ci siamo. Stiamo per diventare piloti di auto autonome: parlo di una parte di noi Londoners, abitanti della capitale inglese. In particolare i nostri vicini di casa di Greenwich, un bellissimo sobborgo verde a sud della città. Iscrivendosi ad un elenco di volontari, i cittadini di Greenwich parteciperanno al progetto del Ministero dei Trasporti chiamato GATEway e faranno da “cavie” alla sperimentazione su strada pubblica delle auto elettriche totalmente autonome.

A bordo 

Saranno proprio loro a salire a bordo di auto robot, a partire dal prossimo luglio, per un periodo di sperimentazione su strada che durerà per i successivi tre mesi. Una volta effettuato il test di guida nel quartiere i volontari risponderanno ad una serie di quesiti online sull’esperienza che hanno avuto e potranno, quindi, esprimere la loro opinione, dare suggerimenti, sollevare dubbi. Per l’occasione sono stati riadattati alla strada degli “ultra PODS”, quei mezzi in funzione all’aeroporto di Heathrow dal 2012 e che ci accompagnano dal terminal 5 fino all’imbarco e viceversa.

Una nuova realtà

Il professor Nick Reed - direttore del progetto GATEway - è convinto che l’esperimento sarà un successo: “Sarà come far diventare realtà la fiction. Questo progetto darà al pubblico la possibilità di sperimentare in prima persona cosa significhi salire a bordo di una auto autonoma e di farsi un’opinione informata e consapevole sul futuro lungo le nostre strade”.

Attenzione Reale

il progetto GATEway fa parte di un grande investimento da 8 milioni di sterline del Ministero dei Trasporti per rendere il Regno Unito il Paese guida in Europa nella sperimentazione su strada delle auto robot. Un recente studio ha suggerito che in questo Paese lo sviluppo delle auto autonome, oltre a prevenire circa 25.000 incidenti stradali entro il 2030, potrà aiutare l’economia, con la creazione di 320.000 posti di lavoro e un aumento del prodotto interno lordo di oltre 50 miliardi di sterline. Sono in molti qui nel Regno Unito a prevedere che nel suo discorso alla apertura del Parlamento di domani la Regina faccia un accenno proprio al futuro sviluppo di questa e di altre tecnologie come possibili veicoli di crescita per la Gran Bretagna. 

Tag

Gran Bretagna  · Guida Autonoma  · Londra  · Regno Unito  · 
London calling
il blog di Colin Frisell
Giornalista appassionato di auto e 100% suddito di Sua Maestà

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Primo test su strada aperto al pubblico per "Harry", un mezzo di trasporto guidato dall'intelligenza artificiale. Cento cittadini selezionati per la sperimentazione

· di Giuseppe Cesaro

Il venerdì e il sabato la metro più antica del mondo e più estesa d’Europa farà servizio 24 ore su 24. Cinque, per ora, le linee interessate: 195 stazioni per 260 chilometri di...

· di Marina Fanara

Il ministero Infrastrutture e trasporti presenta un piano per la digitalizzazione di strade e autostrade:"Le opere utili devono essere anche intelligenti"

· di Paolo Borgognone

Dalla joint venture tra una società di trasporto pubblico nella città stato e una visionaria società olandese, nasce un nuovo modo di muoversi dentro le città

· di Colin Frisell

La compagnia delle auto pubbliche di Londra si sta preparando ad un investimento da 350 milioni di euro per dotarsi di una flotta elettrica