Ultimo aggiornamento  18 ottobre 2019 11:18

Apple, il business del futuro è la mobilità.

Yang Quian ·

SHANGHAI - La notizia qui in Cina ha fatto molto rumore: Apple ha annunciato di aver investito 1 miliardo di dollari nel servizio di ride sharing locale Didi Chuxing. L’operazione, ha spiegato il numero uno della “Mela” a Reuters, “servirà per una serie di ragioni, inclusa quella di capire meglio il comportamento del cliente cinese in alcuni mercati, oltre a puntare naturalmente a un forte ritorno economico del capitale investito”.

Fin qui l’operazione finanziaria, dietro però la mossa di Cook ci sono però una serie di conferme.

La prima che qui in Cina, Apple ha bisogno di consolidare immagine e vendite un po’ appannate negli ultimi mesi dalle restrinzioni del Governo sui servizi di condivisione online di film e libri.

La seconda è che la mobilità per Apple (e non solo) è un business dal quale è difficile stare lontani: Didi Chuxing è una sorta di Uber (Pop), privati cittadini che si trasformano in tassisti con una semplice app e vale da queste parti qualcosa come 11 milioni di “corse” al giorno. Avete letto bene: 11 milioni di passaggi giornalieri. Incredibile. E vi assicuro che i numeri continuano a crescere ogni giorno.

La terza è che la notizia è l’ennesima conferma non ufficiale dell’arrivo in futuro di una Apple Car ma che – attenzione – forse non sarà una vettura destinata alle concessionarie ma verrà utilizzata in servizi di ride sharing come Didi Chuxing oppure su car sharing marchiati “Mela”.

Tag

App  · Apple  · Car Sharing  · Cina  · Ride Sharing  · 

Ti potrebbe interessare

· di Andrea Cauli

Nessuna app dedicata, basta configurare lo smartphone e avere il bluetooth attivo: impossibile dimenticare dove abbiamo parcheggiato

· di Patrizia Licata

Nuova funzionalità per la app dedicata alle auto della gamma Mini: l'assistente personale ci informa sul traffico, suggerisce i percorsi e ricorda gli appuntamenti

· di Patrizia Licata

Le case automobilistiche venderanno meno ma potranno lanciare nuovi servizi remunerativi. E allearsi con le aziende dello sharing o dell'hi tech aprirà nuovi mercati

· di Giuseppe Cesaro

Si chiama “Traffic light information system” il primo passo della tecnologia “vehicle to infrastructure” per un'interazione intelligente tra auto e semafori

· di Redazione

L'intesa fra il fornitore italiano di energie e il produttore cinese di veicoli elettrici e batterie per soluzioni di trasporto pubblico a zero impatto ambientale