Ultimo aggiornamento  16 ottobre 2019 14:24

Peugeot 208, a GPL con tecnologia italiana.

Redazione ·

Lo sviluppo tecnologico dell’elettronica delle centraline negli ultimi anni ha permesso all’alimentazione bifuel GPL di conquistare importanti quote di mercato. Il cliente più sensibile a utilizzare il gas è soprattutto quello interessato all’acquisto di una vettura di segmento B tanto che nel 2015 in Italia quasi una vettura su sei è di questa categoria è stata acquistata con alimentazione GPL.

Sarà (anche) per questo che Peugeot ha presentato la nuova 208 GPL sviluppata grazie alla collaborazione con la Landi Renzo, azienda italiana specializzata in questo tipo di alimentazione, abbinando al 3 cilindri PureTech da 82 cavalli, un innovativo impianto GPL. 

La nuova versione nasce direttamente in fabbrica sulla linea di produzione della 208 tradizionale a Trnava in Slovacchia ed è equipaggiata con una testata specifica con valvole e sedi valvole rinforzate appositamente sviluppata per questo tipo di alimentazione e di un serbatoio GPL toroidale di 33,6 litri, collocato nell’alloggiamento della ruota di scorta, sotto il pianale del bagagliaio.

La Peugeot 208 PureTech 82 GPL è già disponibile con carrozzeria a tre e a cinque porte e nei tradizionali allestimenti Access, Active ed Allure, con prezzi a partire da 14.550 euro per la versione 3 porte.

Tag

Bifuel  · GPL  · Peugeot  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

La nuova generazione della sette posti francese non è più una monovolume. Debutto al Salone di Parigi, sul mercato nella primavera del 2017

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Nei primi 5 mesi del 2016 le vendite delle auto a gas in Italia hanno perso quasi il 20%: siamo sicuri che il successo delle bi-fuel sia finito?