Ultimo aggiornamento  20 giugno 2019 21:09

Apperò, una bussola di app per l'auto e non solo.

Giuseppe Cesaro ·

C’è n’è per tutte le esigenze, tutti i gusti, tutte le tasche. E la lista si allunga ogni giorno di più. Parliamo delle app dedicate alla mobilità: quattro e due ruote, bici, pedoni, mezzi pubblici e, naturalmente, meteo, mappe, etilometri, benzinai, autovelox e chi più ne ha... Un mare magnum in continua evoluzione, nel quale l’offerta è virtualmente senza limiti. Come senza limiti è la fantasia delle menti (giovani e, spesso, giovanissime) che creano questi mini-software (che, in molti casi, mini non sono affatto), dedicati a chi vuole sfruttare al meglio le potenzialità offerte da smartphone e tablet.

 

Prodotti freeware

Un mercato la cui offerta – caratterizzata soprattutto da prodotti freeware o low-cost – si moltiplica a ritmo vertiginoso e nel quale orientarsi diventa ogni giorno più difficile. Va da sé che è praticamente impossibile realizzare una guida app-to-date (perdonate il gioco di parole) di questo genere di prodotti. Chi naviga in Rete, infatti, sa bene che le notizie hanno vita brevissima e che, assai raramente, la loro “data di scadenza” va oltre le ventiquattrore.

Apperò” non ha, dunque, la pretesa di rappresentare un’enciclopedia di quanto offre il mercato delle app pensate per rendere i nostri spostamenti sempre più easy (facili), safe (sicuri), cheap (economici) e smart (intelligenti). Perdonate questa “brit invasion” lessicale. Sulla strada (almeno da noi) l’inglese non è d’obbligo, ma aiuta. Molto. È vero: di solito è buona regola usare la nostra lingua, se non le mancano le parole necessarie a dire ciò che vogliamo dire. Tuttavia, dato che molto spesso nomi, menù e funzioni di queste app sono in inglese (senza contare che non sempre, purtroppo, delle app migliori esiste la versione italiana) una certa familiarità con l’idioma dei sudditi di sua maestà britannica, ci permetterà di capire subito di che tipo di programma si tratta e se fa o no al caso nostro.

L’idea – più semplice e realistica e, ce lo auguriamo, anche più utile – ci sembra, quindi, quella di rendere “Apperò” una sorta di evidenziatore/bussola. Poche righe, accompagnate dalle schermate essenziali, che ci aiuti a non perdere la rotta, segnalando le novità più interessanti, più utili e, perché no?, più divertenti. E, soprattutto, ci eviti di affollare di icone sotto-utilizzate o del tutto inutili i display di smartphone e tablet.

Cinque nomi utili

Ecco, allora, una prima rosa di cinque nomi utili che ci sembra valga la pena tenere presenti: “Packing Pro” (iOs; 2,99€): aiuta a preparare la valigia e ricorda le cose più importanti da fare prima, durante e dopo il viaggio; “Find my car” (iOs/Android; gratis): grazie al GPS, memorizza la posizione della nostra auto e ci aiuta a ritrovarla ogni volta che non ricordiamo dove l’abbiamo parcheggiata (alzi la mano chi non l’ha mai dimenticato); “Prezzi Benzina” (iOs/Android/Windows; gratis): nato dalla collaborazione tra Federconsumatori, Adusbef, Adiconsum e PrezziBenzina.it e basato sulle segnalazioni degli automobilisti, individua il distributore più economico più vicino (disponibili anche versioni “Metano” e “GPL”); “Goodyear Road Safety” (iOs/Android; gratis): suggerimenti per guidare in sicurezza, affrontando imprevisti ed emergenze (con frasi utili nelle cinque lingue più diffuse in Europa: basta un click per ascoltarle) e un divertente quiz sui segnali stradali; “iOnRoad” (iOs/Android; gratis): utilizzando GPS, fotocamera e sensori dello smartphone, rileva la presenza di veicoli e oggetti intorno a noi, calcola distanze e velocità e ci avverte del rischio di una possibile collisione o uscita di strada, consentendoci di intervenire per tempo.
Guidatore avvisato...

Tag

App  · Auto  · Connettività  · Innovazione  · Rubriche  · Smartphone  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Il servizio per i cinesi che vogliano noleggiare un'auto sarà disponibile in 175 paesi del mondo. In futuro, possibile l'offerta diretta del ride sharing Didi

· di Marco Perugini

Con pc e smartphone risparmiamo tempo e stress nella ricerca del parcheggio. Si diffonde il park sharing per condividere e mettere a frutto i posti altrimenti inutilizzati

· di Marina Fanara

Arrivano nuove app per facilitare la vita a chi ama la mobilità condivisa, bicicletta compresa. Da Bicincittà di Parma a Moovit ecco le applicazioni più interessanti