Ultimo aggiornamento  16 settembre 2019 06:43

Ancora incidenti mortali, mai senza cinture.

Redazione ·

Senza cintura si muore. Lo dimostra l'ennesimo incidente mortale delle ultime ore. Aggravato da un colpo di sonno improvviso. E' accaduto sulla Autostrada del Sole, all’altezza di Pofi in provincia di Frosinone ed è costato la vita ad una donna di 46 anni, sbalzata fuori dall’auto sulla quale viaggiava come passeggero nell’urto contro un mezzo pesante. L’uomo al volante è grave in ospedale.

Errore imperdonabile

La vittima non utilizzava la cintura di sicurezza, un comportamento sconsiderato che non tiene conto degli studi, secondo i quali un corpo in un urto frontale anche solo a 50 km/h senza cintura di sicurezza, impatta contro il volante o il cruscotto con una decelerazione che può arrivare a 100 G : è come se il peso del corpo si moltiplicasse per 100 volte. Secondo i dati della Polizia Stradale, se in Italia l’uso delle cinture di sicurezza arrivasse al 100% si potrebbero risparmiare almeno 300 vite ogni anno.

Usare le cinture sempre

Fra i fautori dell’uso delle cinture - anche posteriori - è da sempre l’ACI che, attraverso il suo Presidente Angelo Sticchi Damiani, non ha perso mai l’occasione per sottolineare  l’impegno necessario anche da parte della stampa per una maggiore diffusione  della cultura della sicurezza: “Da tempo sottolineiamo l’importanza delle cinture di sicurezza parlando di incidenti. Quando la vittima è sbalzata fuori dall’abitacolo è evidente che ci sia stata una negligenza. Il dramma è ancora più grande quando coinvolge un minore non adeguatamente assicurato nel seggiolino".

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Andrea Cauli

L'obbligo di installare i sistemi di ritenuta sulle auto in Italia è del 1988. Salvano una persona su tre in un incidente. Ma in troppi ancora non le allacciano

· di Marina Fanara

Al sud solo 3 italiani su 10 le allaccia. Quelle posteriori sono una eccezione a livello nazionale. I dati di una ricerca dell'Istituto superiore di sanità

· di Marina Fanara

Crescono gli incidenti che coinvolgono i più piccoli, spesso a causa della superficialità degli adulti. I consigli del Trauma Center Pediatrico del Meyer di Firenze