Ultimo aggiornamento  19 marzo 2019 00:26

Prova Fiat Tipo, la tre volumi che stupisce.

Marco Perugini ·

La nuova Fiat Tipo si può riassumere in 4 aggettivi.
Nuova: della versione 1988 condivide solo il nome. Attraente: in molti si girano a guardarla, incuriositi dal mix di stile europeo con linee americane. Convincente: il feeling è immediato appena ci si siede al volante. Conveniente: i prezzi partono da 14.500 euro per la Easy 1.400cc a benzina da 95 cavalli (12.500€ in promozione fino al 30 aprile in caso di permuta o rottamazione, ma la facilitazione dovrebbe protrarsi a maggio) fino a 20.100€ per la Lounge 1.6 Multijet diesel da 120 cavalli. Abbiamo provato su strada quest’ultima, il modello di punta. Completa la gamma il 1.3 Multijet diesel da 95 cv, con cambio a 5 marce anziché le 6 delle sorelle.

L'innovazione

Con la nuova Tipo, Fiat ha sfidato tutti, competitor e automobilisti, riscuotendo successo su terreni arditi, avendo puntato innanzitutto su una tre volumi in un mercato dominato dalle crossover, impegnandosi di nuovo in un segmento lasciato vent'anni fa con la Marea.  Sul prezzo, Fiat ha intrapreso una battaglia finora combattuta prevalentemente da altri marchi sotto l’egida del “low cost”. La Tipo convince perché è un’auto solida e funzionale al prezzo giusto, senza tuttavia parlare di low cost ma puntando sul concetto di "value for money". La dotazione di serie è completa già nella versione base: airbag laterali, alzavetri elettrici; cerchi in lega, climatizzatore, controllo arretramento in salita, sedile posteriore a ribaltamento frazionato, sensori di parcheggio, bluetooth e tanto altro. La versione Lounge più accessoriata dispone anche di navigatore, telecamera posteriore, cruise control e cerchi da 17”. A tre mesi dal lancio, 10.000 ordini misurano il successo di questa vettura.

Il dettaglio

L’auto ha un’identità propria con alcuni elementi distintivi: il profilo echeggia le sedan americane, la calandra è impreziosita dall'elegante effetto 3D intorno al logo Fiat, il cofano motore non spezza la linea di cintura dell’auto, il tetto con doppia bombatura coniuga il comfort interno con l’aspetto filante esterno. Il tutto amalgamato con il know how italiano, attento allo stile ma anche alle sensazioni che il veicolo trasmette nella guida.

La praticità

Il piatto forte della Tipo tre volumi è la capacità record del bagagliaio: 520 litri dichiarati. A bordo stupiscono dettagli come la rapidità di abbinamento del bluetooth e i tanti spazi per smartphone, occhiali e altro. In quattro si viaggia comodi, ma il quinto passeggero risente di una seduta più rigida e rialzata, poco idonea alle persone di statura più alta. Il purista dell’auto italiana storcerà il naso sentendo il navigatore che gli si rivolge con il "Voi". Pur comprendendo alcune scelte di economia per contenere il prezzo, avremmo gradito una tasca dietro i sedili anteriori per il tablet dei più piccoli e una maniglia interna al portellone del bagagliaio, per evitare di lasciare impronte sulla carrozzeria lucida. O di sporcarsi le dita su una meno pulita.

La strada

I 120 cavalli del 1.6 Multijet spingono con brio, senza che i consumi ne risentano: il dato dichiarato nel ciclo combinato è di ben 23,8 km/l. Il cambio manuale a sei marce è fluido e non presenta impuntamenti. Telaio e sospensioni garantiscono tenuta di strada e comfort. Ci piace il comportamento equilibrato della vettura che risponde bene anche alle accelerazioni, riuscendo nei 0-100 km/h in meno di 10 secondi. In città si guida con un filo di gas senza necessità di ricorrere troppo al cambio, grazie alla buona coppia di 320 Nm a 1.750 giri.

Le concorrenti

L'unica concorrente diretta è la Opel Astra 4 porte. Salendo un poco in lunghezza si può contare anche sulla Skoda Octavia

La carta d'identità

Dimensioni  in millimetri
Lunghezza4.530
Larghezza1.790
Altezza1.490
Motore1.6 MJT 120 cavalli
Consumi4,2 litri x 100 km (misurati su ciclo di combinato)
Emissioni CO2110 grammi/km
Prezzo da 14.500 euro

Tag

Auto  · FCA  · Motore  · Prove  ·