Ultimo aggiornamento  16 settembre 2019 14:29

Prova Nissan Leaf, la più venduta delle elettriche.

Roberto Sposini ·

 

 

L'innovazione

Innovativa la Nissan Leaf lo è sempre stata. Poi è diventata l’elettrica più venduta al mondo (c’è da dire che non ha avuto queste grandi concorrenti…). Infine, consolidate le posizioni di leader, nel tempo si è evoluta, fino all’ultima novità: l’adozione di nuove batterie potenziate da 30 chilowattora, che garantiscono un’autonomia di 250 chilometri. Il nuovo modello rimane in listino accanto a quello già noto, a cambiare è il prezzo (circa 5.000 euro la differenza). Ricordatevi che al prezzo vanno aggiunti 79 euro al mese per il noleggio della batteria (per 36 mesi e fino a 30.000 km annuali). Per il resto, per chi non ha mai avuto occasione di guidare una vettura elettrica, la Leaf rappresenta di certo una delle pietre miliari della transizione dei trasporti verso l’elettrico. Rimarrà nella storia dell’auto.

Il dettaglio

Si chiama Carwings ed è un sistema tramite il quale vengono forniti a bordo connettività mobile on-demand, servizi di informazione sul traffico, connessione ad internet, collegamento al sistema di navigazione e mappe sempre aggiornate. Il sistema vi consente anche di controllare in remoto lo stato della carica dell’automobile, di avviare o arrestare il controllo del clima o di inviare una mappa del percorso per raggiungere una destinazione. Furbo e facile da usare.

La praticità

Praticità su un’auto elettrica è anche ... poter contare su un sistema di navigazione che dice esattamente, mostrandolo su una mappa, quanta energia serve per arrivare a destinazione e dove si trova la stazione di carica più vicina. L’abitacolo? Luminoso e adatto a quattro adulti. Il bagagliaio invece con i suoi 370 litri di capacità non è certo da Guinness: tutta colpa dello spazio sottratto dalle batterie e forse l’ottimo sarebbe (come sulla Mercedes Classe B elettrica), infilarle sotto il pianale dove non rubano spazio.

La strada

Vi siete mai chiesti cosa significa Leaf? L come Leading (la più venduta), E come ecologica (Environmentally-friendly), A come Affordable, ossia alla portata di tutti o quasi, F come Family car, adatta alle famiglie. Ecco, nel nome dell’elettrica più venduta al mondo c’è il suo destino e il suo carattere. Dotata di un motore di 80 chilowatt e batterie ioni litio da 24 o 30 chilowattora, la Leaf non è l’auto con cui divertirsi. E non parliamo solo della velocità massima (140 km/h) o dell’accelerazione (11,5 secondi sullo 0- 100 km/h). Ma anche del peso elevato e dell’assetto morbido. In realtà vien da dire “chissenefrega” delle prestazioni perché in questo caso è meglio poter contare su un’autonomia a zero emissioni che va dai 160 ai 250 chilometri a seconda delle versioni. Meglio sapere che le batterie potranno essere ricaricate da casa (220-240 V) in circa 8 ore, o in appena 30 minuti fino all’80% nelle stazioni di ricarica veloce. E se cercate la presa elettrica la trovate nascosta sul muso, protetta da un coperchio apribile da dentro. In sintesi la Leaf è elettrica ma non elettrizzante se ci passate il gioco di parole. Però è così silenziosa che ha bisogno di uno speciale sistema che avvisa i pedoni del suo arrivo: si chiama Vehicle sounds for pedestrians, lo si avverte solo alle basse velocità o in retro, ed è in qualche modo il possibile rimedio a quando, forse nel 2050, tutte le auto saranno elettriche e autonome e il problema sarà proprio avvisare pedoni e ciclisti della loro presenza. Ma forse per questo c’è ancora tempo.

Le concorrenti

Mercedes Classe B elettrica, Kia Soul Eco Electric

La carta d'identità

Dimensioni   in mm
Lunghezza4.450
Larghezza1.770
Altezza1.550 (in mm)
Motore80 kW (109 cv)
Consumi0
Emissioni 0 g/km 
Prezzo da 23.790 euro

Tag

Ambiente  · Auto  · Auto Elettrica  · Leaf  · Nissan  · Prove  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il marchio giapponese consolida il primato di vendite di veicoli a batteria in Italia con 845 esemplari venduti su un totale di 2.007 nell'anno fiscale

· di Redazione

Arriveranno dagli Stati Uniti, Trump permettendo, le prime berline giapponesi a batteria. Si lavora anche alle stazioni di ricarica. Serviranno compagnie private e ambasciate

· di Colin Frisell

Motivazione speciale per 16 atleti britannici, ambasciatori Nissan alle Olimpiadi: in caso di vittoria riceveranno anche una speciale auto elettrica giapponese