Ultimo aggiornamento  24 settembre 2019 11:48

Niente moto sul marciapiede, ma l'ausiliare non la può multare.

Marco Perugini ·

Moto - Parcheggiate sul marciapiede

Gli ausiliari del traffico non possono multare i motocicli in sosta sui marciapiedi. Lo ha ribadito la Cassazione con la sentenza n. 2973 del 16 febbraio 2016, chiarendo che l'accertamento delle violazioni concernenti la sosta su un marciapiede non funzionale al posteggio o alla manovra in un'area in concessione, così come la circolazione in corsie riservate ai mezzi pubblici, va compiuto esclusivamente dagli agenti di cui all'articolo 12 del Codice della Strada e non anche dagli ausiliari del traffico, che invece sono chiamati a sanzionare chi posteggia sulle strisce blu senza pagare quanto dovuto.

Alle contravvenzioni per la sosta sui marciapiedi, così come alle infrazioni di accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici, devono invece pensare i vigili urbani.

È bene comunque ricordare che la sosta sui marciapiedi è vietata dalla legge, oltre che pericolosa per la sicurezza di pedoni e utenti deboli della strada. Le multe per le due ruote variano tra 40 e 163 euro, ma con la riduzione del 30% per i pagamenti entro 5 giorni dalla notifica la sanzione si riduce fino a 28 euro.

Magari se i Comuni prevedessero più spazi a favore di moto e scooter, non ci sarebbero problemi di condivisione dell’ambiente urbano, con buona pace per i vigili, per gli ausiliari, per i motociclisti e per i pedoni.

Tag

Italia  · Moto  · Multe  · Paese  · Servizio  ·