Lombardia, elettriche al supermercato.

Marina Fanara ·

Si parte dai punti vendita di Magenta, in provincia di Milano e da quello bergamasco di Seriate, due supermercati dell'Iper Montebello, dove, entro i prossimi due anni, oltre che fare la spesa si potrà fare il pieno di elettricità o di metano alla propria auto.

Supermercati alla spina

L'iniziativa è frutto dell'accordo tra l'azienda della grande distribuzione e la regione Lombardia e prevede, entro il 2019, la progressiva installazione di colonnine elettriche e stazioni a metano nelle aree di servizio di Iper Montebello, a cominciare da Magenta e Seriate. Poi si procederà a dotare gli altri distributori della rete lombarda (sono sono 7 le IperStation su 16 supermercati), anche se in alcune di queste, come quella di Monza, è da anni disponibile una colonnina elettrica. I vertici dell'azienda hanno anche annunciato un programma di implementazione, entro il 2020, degli impianti non solo nelle are di servizio, ma anche nei parcheggi di tutti i punti vendita. Molti di questi saranno a ricarica veloce.

Anche da Q8 il pieno di elettricità

L'accordo con Iper Montebello segue di qualche mese quello analogo siglato tra Regione e Q8: anche in questo caso, nell'arco dei prossimi due anni, la Lombardia si impegna a fornire il supporto tecnico e amministrativo per agevolare la compagna petrolifera a dotare le proprie aree di servizio di stazioni per combustibili eco-compatibili. Si partirà gradualmente, iniziando dall'area metropolitana milanese e dalle stazioni Q8 presenti sulle tratte autostradali più trafficate, per poi procedere a coprire l'intera rete di distribuzione presente sul territorio, privilegiando le stazioni con un erogato tra i 5 e i 10 milioni di litri l'anno. 

Insieme contro lo smog

"Siamo molto soddisfatti", dice Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico dell'Amministrazione lombarda, "il protocollo siglato con Iper, dopo quello sottoscritto con Q8, dimostra che il sodalizio pubblico-privato può dare ottimi risultati, tanto più per la mobilità sostenibile. Le imprese stanno manifestando una grande disponibilità a investire nel settore, contribuendo al nostro impegno per la lotta allo smog e la tutela della salute dei cittadini". Un impegno supportato dai numeri (negli ultimi 5 anni in Lombardia gli impianti a metano sono cresciuti del 36% e quelli a Gpl del 20%) e dagli investimenti nel campo dei motori a zero emissioni.

16 milioni per l'elettrico

Di recente la Regione ha stanziato 16 milioni di euro per la mobilità elettrica: "L'obiettivo" sottolinea Claudia Terzi, assessore all'Ambiente, "è realizzare una rete capillare di infrastrutture elettriche su tutto il territorio". In questi giorni si sta predisponendo un apposito bando, si chiama "Moves", sarà pubblicato a breve e prevede un contributo a fondo perduto da concedere ai comuni per l'installazione di colonnine di ricarica. "Sono convinta che i veicoli a batteria possono dare un contributo notevole per abbattere l'inquinamento". "Così come credo fortemente nel fatto che, per migliorare la salute e l'ambiente, non si può solo imporre ai cittadini divieti all'uso dell'auto, ma occorre offrire reali alternative di mobilità sostenibile", conclude l'assessore.

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

I comuni della Regione padana, esposti al problema smog, chiedono di fare sistema per uniformare i servizi di trasporto e garantire standard uguali per tutti i cittadini

· di Marina Fanara

Regione e comuni lombardi siglano un protocollo per abbattere le polveri sottili: in caso di emergenza, scattano ulteriori restrizioni ai veicoli inquinanti