Giù le mani da Testarossa.

Paolo Borgognone ·

A chi non piacerebbe farsi un giro su una Testarossa? Sì, ma con lo stipendio bloccato, il mutuo da pagare, le rate dell'auto che scadono e le attività dei bambini, non ce la potremo permettere neanche lavorando fino a 100 anni.

A meno che la decisione della corte di Dusseldorf - che ha stabilito il diritto per una fabbrica di Norimberga di utilizzare il nome della fuoriserie di Maranello - non venga confermata. In quel caso, Testarossa potrebbe diventare una bella bicicletta - rigorosamente rossa - con la quale pavoneggiarsi per il quartiere. O un rasoio elettrico col quale radersi per essere al meglio.

Nome conteso 

Ma andiamo per ordine. Il Langericht - ovvero il tribunale regionale - di Dusseldorf è stato chiamato a dirimere una contesa legale tra il Cavallino e la Autec AG, società di Norimberga specializzata in oggettistica, giocattoli, piccoli elettrodomestici. L'azienda bavarese - che fra le altre cose produce anche modelli in scala di auto da corsa - potrà liberamente utilizzare il nome "Testarossa" per qualcuno dei suoi prodotti. Secondo le parole di Kurt Hesse, il boss dell'azienda, riportate dalla versione online del settimanale Der Spiegel: "Ferrari ha sfruttato troppo poco il nome nel corso degli ultimi 20 anni per poterne detenere l'esclusiva". Infatti i giudici hanno stabilito che dopo 5 anni un nome commerciale poco o per nulla utilizzato può essere considerato "libero".

Decisione controversa 

Naturalmente la decisione ha effetti potenzialmente devastanti sul diritto di sfruttamento di un nome e i legali dell'azienda italiana hanno subito presentato ricorso: la Testarossa è una delle vetture classiche di Maranello, ne circolano ancora molte, nonostante la produzione sia cessata nel 1996 con l'esemplare numero 7.177 - senza contare le versioni successive, con le quali si superano i 10.000 pezzi e quindi esiste ancora un giro d'affari, sia sull'usato che sull'assistenza.

Inoltre, il nome, a più di venti anni da quando l'ultimo modello lasciò la fabbrica emiliana, potrebbe essere riesumato per una futura fuoriserie. Ancora non è stata scritta l'ultima parola di questa storia, di sicuro toccherà agli avvocati.

Tag

Autec AG  · Ferrari  · Testarossa  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

Un inedito crossover all’orizzonte, un’altra trimestrale da record, un valore superiore a quello di Fca, Vettel in testa al mondiale di F1. E Marchionne resta

· di Redazione

La supercar di Maranello perde il tetto, ma solo per pochi affezionati clienti. Presentazione a settembre, già esaurite le prenotazioni