Bmw, 100 colonnine nei parchi Usa.

Redazione ·

Messa in funzione la prima delle 100 colonnine elettriche che Bmw e il National Park Service - in occasione del centenario di entrambe le organizzazioni che si celebra proprio nel 2017 - insieme con gli Enti federali americani che si occupano dei 417 parchi pubblici nazionali negli Usa hanno deciso di disseminare sul territorio, in prossimità dei luoghi più visitati del Paese, con lo scopo di favorire la mobilità a batteria. 

La prima batteria 

Simbolicamente per il primo punto di ricarica è stato scelto il Thomas Edison National Historical Park, a West Orange, nel New Jersey, a pochi chilometri da New York. Qui, in una grande casa chiamata Glenmont Estate e oggi trasformata in museo didattico e considerata luogo di interesse storico nazionale, ha vissuto gli ultimi 40 anni della sua vita il prolifico inventore della lampadina, del fonografo e intestatario di oltre 1.000 brevetti registrati negli Usa. Fu qui, tra l'altro, che Edison realizzò la sua batteria per auto elettrica. Era il 1901.

I luoghi migliori 

Per questo progetto Bmw e il National Park Service hanno creato un team che ha studiato i luoghi migliori dove piazzare le colonnine, tenendo conto della vicinanza e della forza di mercati dove le auto elettriche sono già una realtà e anche della distanza rispetto ad altre postazioni di ricarica. Sono comunque già parecchie dozzine i parchi che hanno espresso il loro interesse ad avere un'infrastruttura di questo tipo nelle immediate vicinanze. Nei vari musei e parchi interessati dal progetto si svolgeranno anche delle attività didattiche al fine di avvicinare i visitatori ai vantaggi rappresentati dalla novità della mobilità elettrica

Lo spirito di Edison

I partecipanti all'evento nel quale è stata simbolicamente "accesa" la colonnina elettrica di Glenmont Estate hanno parlato di ripercorrere proprio lo spirito di Edison, pioniere della modernità. "Non riesco a immaginare - ha detto Ludwig Willisch, responsabile del marchio tedesco in America - un posto e un modo migliore di questo per festeggiare i 100 anni di Bmw e del National Park Service. Rendere accessibili alle auto a batteria luoghi così rende possibile diffondere il messaggio di una mobilità alternativa ed eco sostenibile". Per i primi sei mesi le spese di ricarica nel punto messo in funzione al Thomas Edison National Historical Park saranno a carico di Bmw. 

Passi avanti 

Per Michael Reynold, direttore esecutivo del National Park Service,"i veicoli elettrici hanno fatto passi enormi in avanti da quando proprio in questa casa Thomas Alva Edison ha collegato la sua batteria alla rete. Oggi questi veicoli sono effettivamente silenziosi ed efficienti e contribuiscono a ridurre l'effetto dei gas serra mantenendo l'aria più pulita nelle nostre comunità. Questo si trasforma in un vantaggio per i visitatori e ci aiuta a mantenere un ambiente migliore per le future generazioni". 

Tag

Auto Elettrica  · BMW  · USA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il Minnesota potrebbe aggiungersi ad altri dieci stati che già tassano le macchine a batteria. I ricavi destinati alla manutenzione delle strade