Baidu, a tutta guida autonoma.

Paolo Borgognone ·

Scatto in avanti dei cinesi di Baidu, il più grande motore di ricerca cinese, nella costruzione delle auto a guida senza conducente. La società cinese, ben radicata anche nella Silicon Valley, ha infatti annunciato la creazione del "Progetto Apollo", una piattaforma dedicata alla guida autonoma e che aiuterà i costruttori ad accelerare lo sviluppo delle vetture robot. 

A disposizione da luglio

Il "Progetto Apollo" si compone sia di una parte hardware che di una software: in pratica fornirà ai partner di Baidu interessati la tecnologia e i codici open source per sviluppare veicoli che sappiano riconoscere ed evitare gli ostacoli e quindi muoversi in autonomia. 

Secondo le affermazioni del management di Baidu, la piattaforma verrà messa a disposizione fin da luglio per la sperimentazione in zone circoscritte. Entro la fine dell'anno, si dovrebbe ampliare comprendendo anche la guida su strade urbane definite "semplici". Entro il 2020 il "Progetto Apollo" dovrebbe mettere in condizione i robot di condurre le auto su qualsiasi strada

Sfida in California

Baidu ha lanciato la sfida ai concorrenti - e in particolare a Waymo, di Alphabet e quindi a Google - dichiarando di essere in grado di mettere su strada delle auto autonome già a partire dal 2018. Per farlo il team che lavora nella Silicon Valley ha ottenuto anche i permessi dallo stato della California per iniziare a sperimentazione sulle strade pubbliche. Con il "Progetto Apollo", il colosso cinese si augura di superare l'impasse seguito sia alla rottura della collaborazione con Bmw che all'uscita improvvisa dal team del capo della sezione dedicata all'intelligenza artificiale, Andrew Ng.

Tag

Auto robot  · Baidu  · Progetto Apollo  · Waymo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Gloria Smith

Il motore di ricerca asiatico lancerà veicoli driverless grazie a tecnologie intelligenti prodotte in casa e alleanze con l'industria automotive

· di Patrizia Licata

NuTonomy, la start up di Boston, farà partire un servizio commerciale nella smart city asiatica in alleanza con Grab, la rivale locale di Uber

· di Paolo Borgognone

Le industrie tradizionali potrebbero aggiudicarsi la sfida contro i rampanti della Silicon Valley: secondo una ricerca, saranno loro ad arrivare per prime alla guida autonoma