A Dainese 3 Red Dot Design Awards.

Redazione ·

Il Gruppo Dainese ha partecipato con tre prodotti alla “Red Dot Design Awards” e ha ottenuto un tris di riconoscimenti. I tre prodotti dell'azienda fondata nel 1972 da Lino Dainese premiati sono: la nuova tuta professionale Mugello R D-air, sviluppata con il contributo di Valentino Rossi, è forte di 25 innovazioni e cinque nuovi brevetti; il casco Agv Pista Gp R, dotato anche di un sistema di idratazione integrato e la famiglia di protettori Pro-Armor, con un design ispirato alla natura.

Designer da tutto il mondo

La Red Dot Design Awards - competizione internazionale dedicata al design e all’innovazione - ha visto quest'anno in gara 5.500 prodotti provenienti da 54 paesi. Una giuria composta da 39 personaggi fra designer indipendenti, esperti di progettazione e giornalisti specializzati, si è riunita, come ogni anno, ad Essen in Germania per stabilire quali fra i prodotti presentati rappresentino un esempio per le future strategie di progettazione di produttori e designer di tutto il mondo. Fra i membri della giuria vi è il prof. Renke Egli, un esperto di design industriale, il quale afferma: “La qualità del design decide la qualità della fruibilità dei prodotti. È la questione chiave per il successo economico di un'azienda“.

Successo italiano

L'azienda italiana, realizzando un “en plein”, ha ricevuto il sigillo di qualità nella categoria Product Design 2017. Il ceo di Dainese Group, Cristiano Solei ha commentato: “Il design è un elemento fondamentale anche dei sistemi sicurezza e della loro filosofia. In questo campo Dainese, riprendendo le tradizioni del nostro Paese, persegue ideali di bellezza, eleganza e autenticità”. Solei ha poi aggiunto: “Questi premi rappresentano un importante riconoscimento per la qualità del lavoro dei designer e del team impegnato nella ricerca e lo sviluppo di Dainese e Agv”.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

La fabbrica italiana è andata nello spazio già nel 2015 con le sue tute spaziali e si accinge alla sfida dello sbarco su Marte. Ma senza trascurare i motociclisti