F1, Ferrari vince in strategia. E non solo.

Gian Carlo Minardi ·

Con questa vittoria in Bahrain, la Ferrari ha dimostrato di rispondere presente non appena gli altri commettono una minima sbavature e di indurre gli avversari all'errore mettendoli sotto pressione. Una vittoria costruita sulla prestazione in gara. Fin dalle prove del venerdì era emerso un buon passo-gara.

E’ chiaro che la Mercedes resta la vettura da battere come si è visto, in particolare, sul giro secco in qualifica e nel tentativo di rimonta da parte di Lewis Hamilton. Parliamo di un divario tra i due team di circa 4-5 decimi a vantaggio dei tedeschi.

Rispetto all’anno scorso però la Ferrari c'è e se gli altri commettono una minima sbavatura, ne approfitta. La Ferrari ha azzeccato la strategia e Sebastian Vettel non ha commesso il minimo errore, capitalizzando al meglio il materiale a disposizione, compreso il lavoro ai box. L’azione ai danni di Volttari Bottas è il sorpasso più bello del gran premio (oltre ad essere stato determinante ai fini del risultato finale). Una Ferrari che è stata aiutata anche da un’ingenuità di Lewis Hamilton e da una eccessiva severità dei commissari sportivi. Forse avremo visto un finale più combattuto tra i due protagonisti di questo mondiale.

L’inglese ha confermato il suo punto debole in partenza, rendendosi successivamente protagonista di una gara eccezionanle con una serie di giri da qualifica. Il ritiro di Nico Rosberg, ha portato nel team una seconda guida, come si è capito anche dai team-radio. E’ evidente che non avremo le bagarre degli ultimi anni. Il poleman in gara ha deluso anche se è arrivato davanti a Kimi Raikkonen.

Diversi team hanno accusato problemi dovuti al caldo. L’incidente di Verstappen potrebbe aver condizionato la corsa di Ricciardo. Una Red Bull che in qualifica emerge, mentre in gara è ancora distaccata a causa della power-unit.

Appuntamento tra quindici giorni con il gran premio di Russia.

Tag

Ferrari  · Formula 1  · Mercedes  · Vettel  · 
Il punto
il blog di Gian Carlo Minardi
Fondatore del team omonimo di F1

Ti potrebbe interessare

· di Gian Carlo Minardi

Il circus torna in Bahrein. Probabile che sia ancora sfida a due tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. La Sauber ripropone Wehrlein, Giovinazzi resta ai box

· di Gian Carlo Minardi

Hamilton domina il GP in Cina, ma Vettel è lì. Il mondiale sarà una lotta a due, gara dopo gara. In chiaroscuro Raikkonen e Bottas, Giovinazzi subito out

· di Gian Carlo Minardi

Domenica in Australia torna il circus. Tante novità tra i protagonisti e nei regolamenti. In pista la Mercedes sembra ancora favorita, ma occhio alle Rosse